Eventi 2017
Mercati Verticali - Applicazioni
 

18/11/2016

Share    

Le medie imprese (ri)chiedono più innovazione

I risultati di uno studio Coleman Parkes Research evidenziano ancora un ritardo sul tema digitalizzazione ma una contestuale consapevolezza di un percorso necessario.

Una ricerca commissionata da Ricoh a Coleman Parkes Research afferma che per le medie imprese europee è difficile investire in nuove tecnologie a supporto della crescita, spesso a causa delle difficoltà che incontrano per chiedere finanziamenti. Il 30% del campione deve di fatto ancora implementare tecnologie per la digitalizzazione con l’obiettivo specifico di crescere e diventare imprese di grandi dimensioni.

Le imprese di medie dimensioni sono però consapevoli della necessità di sviluppare strategie di business digitali e chi lo ha fatto sta già raccogliendo i frutti. In particolare, secondo quanto riportato nello studio le aziende italiane che hanno già adottato tecnologie per la digitalizzazione hanno indicato come principali vantaggi: Miglioramento del servizio ai clienti (segnalato dal 38% del campione italiano), Riduzione dei costi (38%), Ottimizzazione delle comunicazioni con i clienti (37%) Sfide e nuove opportunità per comunicare meglio con i clienti Molte grandi aziende sono nate da acquisizioni oppure dalla fusione di due aziende di medie dimensioni. Infatti, il 27% del campione intende attuare operazioni di merger and acquisition entro i prossimi due anni. Questo processo richiede sforzi specifici per quanto riguarda ad esempio l’integrazione dei sistemi informativi delle aziende coinvolte. È importante che i clienti non vengano trascurati in questa fase di transizione. Anzi si presenta l’occasione per migliorare la gestione delle informazioni relative ai clienti con l’obiettivo di conoscerli meglio e sviluppare comunicazioni personalizzate. Il 70% delle aziende del campione vorrebbe espandersi in nuovi mercati entro i prossimi due anni e mantenere elevati gli standard di servizio ai clienti è fondamentale.

Dallo studio è emerso inoltre che le medie aziende incontrano difficoltà nell’attirare nuovi talenti. Il 65% del campione afferma infatti che i candidati preferirebbero lavorare in aziende di grandi dimensioni e questo, secondo il 58%, dipende dalla maggiore disponibilità di strumenti digitali. Le medie aziende devono quindi mettere a disposizione soluzioni tecnologiche all’avanguardia che favoriscano la produttività. Inoltre, la sempre maggiore richiesta di lavoro flessibile da parte delle nuove generazioni implica lo sviluppo di processi digitali. La Digital Transformation è quindi necessaria per competere e le medie imprese hanno idee molto chiare in merito: il 76% del campione afferma di avere bisogno di “una visione definita e a lungo termine” per la digitalizzazione e il 77% di un “piano strutturato”.

La banca Cassa di Risparmio di Volterra si trovava ad affrontare le problematiche tipiche di una azienda di medie dimensioni. Prima di lavorare con i professionisti di Ricoh nell’ambito dei Communication Services, l’azienda doveva sostenere un costo elevato per mantenere alta la qualità del servizio nella rete di filiali in costante espansione e questo impediva ogni ulteriore crescita. “Abbiamo sentito l’esigenza di una soluzione in grado di ridurre i costi per ogni singola filiale e aumentare il valore del servizio fornendo competenze centralizzate” commenta Eugenio Fortunio, COO della Cassa di Risparmio di Volterra. “Grazie alla tecnologia virtual-communication-point, i clienti comunicano mediante video-chat con i nostri esperti della sede principale, mentre i nostri dipendenti possono collaborare tra loro e condividere informazioni in maniera rapida. Utilizzando questa soluzione non è più necessario che vi sia un esperto in ogni filiale e i tempi di risposta sono ottimizzati. Inoltre, ora possiamo concentrarci sulla nostra crescita”.

 

TORNA INDIETRO >>